La zuppa è cotta! Idee per una cena dal gusto naturale

Ideale per riscaldare l’atmosfera in una serata d’inverno ma anche per nutrirsi in modo sano e genuino, la zuppa è uno dei piatti che non possono mancare nella dieta, soprattutto durante le stagioni fredde. La sua preparazione è un rituale che rasserena, semplice e al tempo stesso accurata e in grado di ridestare sensazioni dimenticate. Dalle ricette tradizionali della nonna alle reinterpretazioni di questo classico primo in chiave moderna e salutista, ecco alcune proposte per la tua tavola.

**Viva la pappa col pomodoro**
Questo piatto tipico della cucina toscana, immortalato da una canzone degli anni 60 scritta da Lina Wertmuller e Nino Rota per la colonna sonora di “Gian Burrasca” ha una ricetta semplice, figlia di una cucina povera ma ricca di nutrienti e di sapori autentici. come si prepara? Innanzitutto soffriggete in una padella sedano, carota, aglio e cipolla; aggiungete pomodori tagliati a pezzettoni o pelati e, dopo aver fatto insaporire il pomodoro coprite con brodo vegetale. Lasciate cuocere per circa dieci minuti e quindi immergete del pane raffermo a pezzetti lasciando che si ammorbidisca. Una volta raggiunta la consistenza desiderata, condite con olio extravergine, sale, pepe e basilico fresco. Il tocco dello chef? Guarnite il tutto con un ciuffo di stracciatella lasciata fondere sulla pappa ancora bollente.

**Fuori di… zuppa **

Un altro ingrediente tipico delle zuppe è indubbiamente la zucca che, pur essendo tipicamente autunnale, è facile da reperire anche a febbraio in ipermercato. La ricetta che vi suggeriamo è a base di zucca e funghi cardoncelli, tipici della Puglia. Tagliate a pezzetti una zucca dopo averla decorticata e lasciate soffriggere in pentola con olio evo, aglio e rosmarino. Dopo aver aggiunto brodo vegetale e lasciato cuocere la zucca, rimuovete l’aglio, frullate la zucca e aggiungete al tutto funghi cardoncelli tagliati a lamelle sottili. Fate cuocere per altri 15 minuti fino a quando la cottura dei funghi sarà a puntino. Guarnite il tutto con crostini caldi di pane di Altamura Dop intinti in olio extravergine di oliva del Salento.

**Cereali, lenticchie e patate**
Tre ingredienti tipici della cucina contadina si incontrano per un piatto che ha il sapore della tradizione. La zuppa richiede innanzitutto un mix di cereali (orzo, farro e riso), patate, lenticchie (meglio se già ammorbidite in acqua), cipolle, carote, pomodorini e olio extravergine d’oliva. Dopo aver soffritto nell’olio le carote e le cipolle finemente tritate versate le lenticchie e coprite il tutto con acqua. Lasciate cuocere le lenticchie a fiamma bassa per circa un quarto d’ora e unite al tutto le patate a cubetti. Proseguite la cottura per altri 15 – 20 minuti e versate in pentola i tre cereali. Quando i cereali avranno raggiunto metà del tempo di cottura aggiungete qualche pomodorino a cubetti, avendo cura di aggiungere acqua calda nel caso il composto appaia troppo asciutto. Lasciate cuocere ancora per circa 8 – 10 minuti e, a fine cottura, mantecate con Parmigiano Reggiano grattugiato. Nel caso preferiate una versione vegan della ricetta, sostituite il formaggio con olio evo o un cucchiaio di tofu vellutato.
Buon appetito!

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn