Giochi Montessoriani – una scoperta da condividere

Maria Montessori rappresenta uno dei simboli mondiali della pedagogia ed è incredibilmente attuale, nonostante siano trascorsi ormai quasi settant’anni dalla sua scomparsa. Il suo riconosce il bambino come “un essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali” che spesso gli adulti hanno smesso di riconoscere, innanzitutto in sé. Come riappropriarsi di queste energie e di questi valori impagabili? Condividendo con i bambini quella dimensione del gioco fondata sul principio della “libertà dell’allievo”. Ecco una selezione di giochi Montessoriani da condividere con i più piccoli per imparare da loro l’esperienza più bella.

**Infilare e travasare **

Piccole attività manuali che possono essere svolte con semplici oggetti di casa aiutano il bambino a riconoscere le consistenze, a confrontarsi con le materie, a giocare con i sensi. Maria Montessori riteneva quello dei travasi un gioco utile per allenare la motricità fine.
Il gioco può essere collegato a un’attività che possa farli sentire più utili e coinvolti nella vita dei “grandi”: la preparazione di porzioni di cibo, la selezione di bottoni, la distribuzione di semi e legumi o liquidi. In alternativa, c’è il gioco dell’infilatura, un altro valido esercizio di motricità fine molto valido. Basta un filo, una corda o un nastro e qualche oggetto da infilare: pasta, perle, conchiglie o piccoli oggetti forati.

**Una scatola a sorpresa
**
Infilare le mani dentro un contenitore può essere motivo di sfida e di scoperta per il bambino. Per la scatola Montessoriana vi basterà usare semplici oggetti domestici per far giocare i piccoli con i sensi. Innanzitutto, è importante avere una scatola di cartone in cui praticare dei fori per far passare le braccia dei bambini che giocano in coppia, anche con gli adulti: uno inserisce gli oggetti misteriosi e l’altro cerca di riconoscerli al solo tatto.

**La cesta dei tesori
**
L’interazione delle mani con altri elementi fisici è protagonista anche della cesta dei tesori, da proporre ai bambini fin da piccoli per assecondare e stimolare la loro voglia di esplorare. Come realizzarla? Semplice: create una cesta in cui inserire oggetti di uso comune – igienizzati e non pericolosi – che il bambino possa liberamente scoprire con i cinque sensi. Scoprirete come, fuori dal loro contesto abituale, gli oggetti si trasformeranno in altro, espandendone le potenzialità all’infinito, come sa fare la mente di un bambino.

Condividi su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn